Blog


Agenda-digitale.png

8 Ottobre 2021

Lunedì 18 ottobre 2021 alle 10.30, in occasione della nona edizione di DIGITALmeet, I-Center TAG Padova ospiterà il webinar “Il ruolo del digitale per le imprese: industria 4.0 e oltre” con Francesco Calzavara, Assessore all’Agenda Digitale e Roberto Marcato, Assessore allo Sviluppo Economico ed Energia.  L’evento è organizzato nell’ambito del percorso di definizione del documento programmatico “Linee guida dell’Agenda Digitale del Veneto 2025”.

Al fine di individuare gli obiettivi regionali in materia di digitalizzazione, la Direzione ICT e Agenda Digitale ha organizzato una serie di incontri tematici con gli stakeholder, finalizzati a far emergere idee, proposte e soluzioni da inserire nel nuovo documento programmatico. Il programma prevede dopo una parte in plenaria, l’organizzazione di gruppi di lavoro di approfondimento e discussioni di tematiche specifiche di applicazione del digitale per quel dominio.
La sintesi dei lavori dei tavoli contribuirà al processo redazionale dell’aggiornamento “Linee Guida dell’Agenda Digitale del Veneto 2025”, attraverso la definizione degli scenari evolutivi dello sviluppo digitale regionale e gli obiettivi da raggiungere con le conseguenti azioni strategiche da attivare.

L’incontro di lunedì 18 ottobre prevede due sessioni plenarie, in apertura e in chiusura, e un laboratorio di co-design con tavole rotonde di professionisti e addetti ai lavori.

Per informazioni e iscrizioni visualizzare la pagina dedicata all’evento.

 

 


road-arrow-indicating-right-min-1200x800.jpg

9 Settembre 2021

Quest’anno al centro di DIGITALmeet la grande sfida della cosiddetta transizione digitale accelerata. Oltre a mettere in pericolo i nostri concittadini più fragili, il Covid ha modificato le vite di tutti, precipitandoci, volenti o nolenti, nel pieno della transizione digitale. Imprese e consumatori, studenti e pensionati si sono trovati costretti a confrontarsi con il web per le più disparate ragioni. Per questo il nostro comitato scientifico si è posto la questione di come intendere il “digitale”. Perché ciascun pubblico ha esigenze e esperienze specifiche: c’è chi, come le imprese, associa il digitale all’efficienza dei processi produttivi, amministrativi, burocratici e organizzativi, chi lo associa allo shopping, chi alla formazione e alla “Dad”, chi ancora ai servizi sanitari, pensionistici, assistenziali e così via. A queste esigenze abbiamo cercato di rispondere con eventi all’insegna della qualità, offrendo contenuti che possano essere utili da subito al nostro pubblico, sempre più vasto e sempre variegato. Ma dove c’è evoluzione rapida c’è spesso anche confusione, e la trasformazione digitale che il Paese ha vissuto con estrema rapidità nei mesi del lockdown (tra smartworking, didattica a distanza, e-commerce, videochat e social network) ha, attorno a sé, il disordine di un’accelerazione improvvisa. C’è ancora tanto da fare sia sul piano normativo che oltre.

Tra poco, oltre alle conferenze stampa di lancio e gli eventi di metà ottobre in Umbria, si va in diretta con gli eventi di DIGITALmeet2021: già il 23 settembre ci sarà infatti una ghiotta anteprima di IoT Italy, poi un paio di appuntamenti sulla telemedicina e la salute, grazie agli amici di Abbott, e dritti dritti al 19 ottobre con la miriade di occasioni di alfabetizzazione che offriremo al Paese. Un grazie iniziale lo vogliamo dedicare (poi ci saranno altre occasioni per ringraziare) al Comitato Scientifico, ai Partner e agli Sponsor, agli Ambassador e ai Media Partner che ci sostengono.

Con la speranza di averVi tra i partecipanti e i protagonisti negli eventi di DIGITALmeet 2021 ricordiamo che il team di DIGITALmeet 2021 è sempre a Vostra disposizione per fornire ogni ulteriore informazione digitalmeet@digitalmeet.it.

Buon DIGITALmeet 2021 a tutti!

 


proponi-eveto.png

15 Luglio 2021

Come nelle precedenti edizioni, inoltre, DIGITALmeet spalanca le porte ai contributi dall’esterno con “Proponi il tuo evento!”, l’iniziativa bottom-up rivolta a imprese, associazioni, istituzioni e semplici cittadini che vogliono organizzare un proprio incontro sul tema del digitale declinato in tutte le sue forme.

Su www.digitalmeet.it le candidature sono già aperte, e gli autori delle migliori proposte verranno contattati dagli organizzatori del festival per concordare e sviluppare l’evento.

E’ la tua occasione per proporre un evento e diventare protagonista del più grande festival digitale in Italia!

Aspettiamo le tue idee!


children-3741777_1920-1200x800.jpg

19 Marzo 2021

DIGITALmeet promuove questa petizione per sostenere la digitalizzazione dell’Italia: cominciare dal coding per dare nuovo slancio a crescita, occupazione ed innovazione nel nostro Paese.

Avete mai sentito parlare di coding? Significa “programmazione informatica” e vorremmo diventasse nei prossimi anni una vera e propria materia di studio a scuola. Non fatevi spaventare: è davvero divertente e i bambini potranno cominciare subito ad imparare, giocando, i concetti base di informatica e del pensiero computazionale.

Ma che cosa intendiamo con coding? Possiamo intendere il coding come una nuova lingua che permette di “dialogare” con il computer per assegnargli dei compiti e dei comandi in modo semplice. Giocando a programmare si impara ad usare la logica, a risolvere problemi e a sviluppare il “pensiero computazionale”, un processo logico-creativo che consente di scomporre un problema complesso in diverse parti, per affrontarlo più semplicemente un pezzetto alla volta, così da risolvere il problema generale e dare vita a situazioni creative.
Con il coding quindi anche i bambini potranno risolvere problemi “da grandi”, e diventare soggetti attivi della tecnologia, creando un piccolo videogioco e delle storie in pochissimo tempo.

Negli anni Sessanta, con l’avvento della televisione, c’era l’esigenza di alfabetizzare il Paese, diffondendo la conoscenza della lingua italiana. Pensiamo al ruolo svolto da programmi come ‘Non è mai troppo tardi’ con il Maestro Alberto Manzi, sulle reti Rai, che aveva un ruolo sociale ed educativo. Poi negli anni ’90 fu la volta dell’inglese, nelle scuole, perché si aprivano i mercati, le relazioni e la lingua straniera diventava fondamentale per non perdere contatto con le altre aree del mondo. Oggi ci troviamo di fronte a una nuova sfida che è fatta di nuovi linguaggi, come il digitale appunto. Il deficit di competenze digitali è un freno per l’occupazione e per la crescita del nostro Paese. Lo è nel privato così come nella Pubblica amministrazione.

E’ tempo di digitalizzare l’Italia, partendo dal coding!

 


app-1200x805.jpg

14 Dicembre 2020
#DM20 non si ferma e chiude il 2020 con due eventi dedicati alla digitalizzazione nel mondo del lavoro e della sanità

🔸 Iʟ ᴍᴏɴᴅᴏ ᴅᴇʟ ʟᴀᴠᴏʀᴏ ᴛʀᴀ ᴅɪɢɪᴛᴀʟɪᴢᴢᴀᴢɪᴏɴᴇ ᴇ ɴᴜᴏᴠᴇ ᴄᴏᴍᴘᴇᴛᴇɴᴢᴇ – 𝗺𝗮𝗿𝘁𝗲𝗱𝗶̀ 𝟭𝟱 𝗱𝗶𝗰𝗲𝗺𝗯𝗿𝗲 𝗮𝗹𝗹𝗲 𝗼𝗿𝗲 𝟭𝟲.𝟬𝟬

Le nuove prospettive del lavoro sembrano guardare a professioni, occupazioni e settori dove diventano chiave parole come sostenibilità, digitale, soft skills. Da un lato le tendenze e i desiderata di politiche e linee di indirizzo, dall’altro l’offerta e la domanda reale e quotidiana di persone e imprese che devono far incontrare opportunità e sfide. In questo quadro in forte evoluzione, l’iniziativa si propone di offrire un’occasione di confronto e riflessione in cui individuare insieme i problemi e le opportunità concrete per disegnare un mercato del lavoro innovativo e più connesso con gli obiettivi dell’Agenda 2030.

Iscrizioni: https://forms.gle/SRQe7ruiwznV5QAd7

🔹 Uᴏᴍᴏ Cᴏɴɴᴇssᴏ | Lᴀ sᴀʟᴜᴛᴇ ᴠɪᴀɢɢɪᴀ ɪɴ ʀᴇᴛᴇ – 𝗺𝗮𝗿𝘁𝗲𝗱𝗶̀ 𝟭𝟱 𝗱𝗶𝗰𝗲𝗺𝗯𝗿𝗲 𝗮𝗹𝗹𝗲 𝗼𝗿𝗲 𝟭𝟳.𝟬𝟬

Nuove tecnologie e web: è possibile far diventare il paziente un protagonista attivo della salute? E con la telemedicina cosa cambia nel rapporto medico-paziente? E come è possibile distinguere la grande quantità di informazioni reperibili online relative alla salute e alle patologie? A dimostrazione che non c’è sono il Covid-19, ma molte altre patologie che con il digitale possono essere monitorate e curate.

Iscrizioni: https://www.eventbrite.it/e/biglietti-luomo-connesso-la-salute-viaggia-in-rete-132294631805?fbclid=IwAR346gnULXDplUcnOTYEHrefdiV3v1FI3BuQLt-scXdx87SeDjYjgSNTnwo


person-using-tablet-1200x730.jpg

24 Novembre 2020

Grande successo per la prima edizione della Startup Marathon, l’iniziativa a sostegno del sistema economico e di sensibilizzazione rivolta alle startup promossa da
DIGITALmeet, Fondazione Comunica, UniCredit, Fastweb e Area Science Park, con il patrocinio della Presidenza del Consiglio dei Ministri, svolta in modalità online mercoledì 18 ottobre.

Un intero pomeriggio dedicato non solo alla presentazione delle migliori startup italiane, ma anche alla voglia di dare vita ad un proficuo dialogo tra le necessità delle imprese già consolidate nel territorio e il percorso virtuoso di crescita di una startup, finalizzato allo sviluppo di prodotti e servizi in grado di produrre fatturato ed occupazione – elementi chiave in un contesto economico sofferente come quello attuale.

Durante la maratona si sono susseguite le 37 startup selezionate che, attraverso i video di presentazione, hanno mostrato prototipi, piattaforme, strumenti e servizi innovativi in grado di rispondere ai bisogni reali grazie all’implementazione delle nuove tecnologie:  dalla blockchain utilizzata per certificare e garantire la tracciabilità dei prodotti all’intelligenza artificiale che permette la personalizzazione biometrica delle calzature; dall’analisi di big data impiegati a calcolare i prezzi ottimali di vendita  alla realizzazione di device medicali ingeribili in grado di eliminare specifici batteri attraverso fototerapia intra-gastrica.

A conquistare il titolo di vincitrice della maratona è stata M2TEST srl: una start-up innovativa italiana che lavora come SAMD tramite il servizio di analisi BES TEST (Bone Elastic Structure Test), un test per la valutazione dell’elasticità e della fragilità dell’osso utile non solo al momento della diagnosi ma anche nel monitoraggio e nella prevenzione delle alterazioni a livello della struttura ossea.

Dichiara Francesca Perrone, Head of WEU Start Lab & Development Programs di UniCredit: “Grazie a UniCredit Start Lab sosteniamo i progetti di business innovativi, che possono diventare una parte sempre più dinamica dell’economia del nostro Paese. Siamo fortemente convinti che lo sviluppo delle start-up passi per il lavoro di squadra e vogliamo continuare a unire le nostre forze a quelle di tutti gli attori dell’ecosistema dell’innovazione come abbiamo fatto con la startup marathon”

La start up Marathon ha dimostrato l’alto livello di talenti presenti sul nostro territorio che hanno una forte opportunità di crescita se supportati da un ambiente favorevole con tutti gli stakeholder uniti, come hanno dimostrato i 22 fra i principali Incubatori Italiani che hanno aderito all’iniziativa” – commenta Maurizio Caradonna, Business Development Manager presso Innovation Factory, Area Science Park.

E’ stato un pomeriggio intenso e ricco di spunti. Le start up presentate alla commissione erano tutte di un livello altissimo, spaziando dalla medicina all’IOT, passando per l’industrial, la musica, l’ambiente e il gaming, toccando anche temi cari ai nostri animali da compagnia. – afferma Bruno Giordano, Vice Presidente di Confindustria Verona – “Molti gli spunti relativi al nostro nuovo modo di utilizzare gli spazi e il tempo attraverso la tecnologia, vista non come complicazione bensì come strumento per migliorare il nostro stile di vita. Attraverso gli occhi di veri innovatori, abbiamo potuto dare un’occhiata ad un mondo davvero nuovo ed entusiasmante.  Tutte idee da premiare, sono certo che la maggior parte di loro trasformeranno presto le idee in atti concreti e avranno il successo che meritano in un mercato completamente oramai rinnovato.”

Startup, incubatori, coworking, luoghi dell’innovazione vanno sostenuti non solo a paroleGianni Potti, founder DIGITALmeet ma includendo i codici ATECO giusti per dare anche a questo mondo le risorse previsti dall’Europa, causa Covid. La vivacità delle startup che hanno dato vita a questa alla “marathon” è testimonianza che il futuro dei nostri territori passa di qui. ”

Le 37 Startup startup che hanno partecipato alla maratona sono state:

 

EzLab
Brots srl
WatchTheWatch by Safe Pls
Smartpricing
M2test
Pet Sempre
Sphera Encapsulation
Ecobonusitalia
IPO Ice Cream
Wait4Call
Proxy42
Tutelart
Skyproxima
StageAir
Insideat
Ghostwriter ai
Tbound multilink
Truetopia
Genius4u
Vitineravideo
Arco Solution srl
Jobiri
Addifit
Viaggiatore Online
Diamante srl
BlockvisionPropensione
eSteps
Proxima Robotics srl
Exidis
Cloudrobe
Bluetentacles
Humatics
Automacube
Probiomedica
Aircnc
EcoSteer

Ad animare il dibattito hanno partecipato  anche importanti ospiti:
Fabrizio Rovatti – Managing Director at Innovation Factory, AREA Science Park
Paolo Ghezzi – Direttore Generale InfoCamere
Emiliano Fabris – Direttore Parco Scientifico e Tecnologico Galileo
Martina Venzo – Programme Manager for Asia & North Africa Helpcode
Roberto Santolamazza – Managing Director t2i trasferimento tecnologico e innovazione
Luca Guarnieri – Responsabile Liason Office Università di Verona
Lino Olivastri – Presidente Servizi Innovativi Confindustria Abruzzo
Giorgio Scala – Presidente Fondazione Saccone
Gianni Dal Pozzo – Amministratore Delegato Considi

 


doctor-reviewing-a-tablet-1200x800.jpg

3 Novembre 2020

“L’uomo connesso – Come la tecnologia aiuta la salute”, domani un webinar sulla telemedicina,
vista attraverso l’esperienza dei big della sanità

 

Padova, 3 novembre 2020 – La telemedicina vista attraverso l’esperienza dei big della sanità. È davvero possibile controllare un paziente da remoto? E le app, entrate ormai nella quotidianità della nostra vita, possono costituire un alleato davvero credibile su un fronte così critico, anche in situazioni che richiedono un controllo continuo, com’è nelle malattie croniche, e dove magari si devono fare i conti con rischi di cambiamenti improvvisi nello stato di salute del paziente, com’è per le aritmie cardiache?

Sono alcune delle domande al centro del webinar di domani, 4 novembre, dal titolo “L’uomo connesso – Come la tecnologia aiuta la salute”, che si terrà dalle 17 alle 18. L’evento, organizzato con il supporto di Abbott Diabetes Care e CRM, si presenta come una “coda” del tutto speciale di DIGITALmeet, il più importante festival italiano sull’alfabetizzazione digitale per cittadini e imprese, promosso da Fondazione Comunica e da Talent Garden Padova, che nell’edizione svoltasi tra il 20 e il 24 ottobre ha totalizzato 60mila utenti web, più del doppio dello scorso anno, nei 130 eventi riconvertiti a tempo di record in digitale di fronte alle limitazioni imposte dalle norme anti-Covid, che hanno coinvolto 300 relatori. E che ha avuto proprio nella telemedicina uno dei fili conduttori della discussione.

L’appuntamento di domani si inserisce in questo filone, che risulta tra i più promettenti e rilevanti per le sue implicazioni sociali, anche di fronte all’uso da parte di persone non sempre avvezze a maneggiare il digitale. Così nell’incontro saranno affrontati alcuni temi centrali della questione, come lo stato dell’arte nella telemedicina, quanto è stato fatto e quanto resta da fare, e il mutamento del rapporto medico-paziente di fronte ai cambiamenti imposti dalla rivoluzione digitale, così come il rapporto tra pazienti, salute e tecnologia. Con un affondo specifico in cardiologia, nel rapporto tra cuore e app, e in quello tra tecnologie e aritmie.

A discuterne saranno alcuni dei professionisti più noti e apprezzati, a partire da Gino Gerosa, cardiochirurgo dell’Azienda ospedaliera di Padova, per arrivare ai cardiologi Antonio Rossillo, dell’ospedale San Bortolo di Vicenza, Giulio Molon, dell’ospedale Sacro Cuore di Negrar, e Sakis Themistoclakis, dell’ospedale dell’Angelo di Mestre. Con loro Deborah De Cesare, dell’Osservatorio innovazione digitale in Sanità del Politecnico di Milano, e Vincenzo Gigli, presidente dell’associazione Senior Veneto.

Clicca qui per iscriverti 

 


ALFAB-DIGITALE.jpg

27 Ottobre 2020

Despar e Fondazione Comunica continuano a lavorare ad un obiettivo comune: contribuire alla diffusione delle competenze digitali nel nostro territorio, soprattutto in questo periodo, perché nessuno deve essere lasciato indietro!

Scegli il tema che più ti interessa e partecipa al corso con il nostro digital evangelist, che risponderà a tutti i tuoi dubbi.

Tutti i corsi sono gratuiti e hanno una durata di 30 minuti.

Nel caso non riuscissi a prendere parte all’incontro, ti chiediamo cortesemente di annullare la tua prenotazione.
Potrete così lasciare il posto ad altre persone interessate.

PROGRAMMA
TEMA DATE E ISCRIZIONE
Facebook – gruppi e pagine: come interagire
Trovare informazioni, confrontarsi su temi specifici con gli altri utenti: ecco alcune attività che è possibile svolgere interagendo con le pagine ed i gruppi presenti su Facebook.
– Lunedì 2 novembre
– Mercoledì 4 novembre

Fare stories: Instagram e Facebook
Una condivisione istantanea e veloce di foto, video e testi che dura solo 24h: ecco cos’è una “stories”. Un modo per raccontare le nostre esperienze con questi messaggi veloci.
– Lunedì 9 novembre
– Mercoledì 11 novembre

Fotografare con lo smartphone
Consigli pratici per sfruttare tutte le funzionalità della fotocamera dello smartphone, per rendere ancora più professionali le fotografie.
– Lunedì 16 novembre
– Mercoledì 18 novembre

Fare video con lo smartphone
Consigli ed indicazioni per fare un video di buona qualità con lo smartphone per conservare i momenti più importanti.
– Lunedì 23 novembre
– Mercoledì 25 novembre

Come proteggersi dalle truffe online
Riconoscere i segnali e attuare alcuni piccoli ma importanti accorgimenti per evitare di essere vittime di truffe telematiche.
– Lunedì 30 novembre
– Mercoledì 2 dicembre

Whatsapp – le funzioni base e la privacy:
Inviare messaggi e contenuti multimediali, creare un gruppo e impostare la privacy per le varie funzionalità: ecco le funzioni base per utilizzare la famosa app di messaggistica.
– Lunedì 7 dicembre
– Mercoledì 9 dicembre

Videochiamate (Whatsapp video e Facebook Messenger):
Restare in contatto con amici e parenti è facilissimo grazie alla possibilità di fare chiamate video, anche di gruppo,con Whatsapp e Facebook Messenger
– Lunedì 14 dicembre
– Mercoledì 16 dicembre


Presentazione-DM20_Gianni-Potti-e-Rosario-Rizzuto_ok-1200x800.png

9 Ottobre 2020

Il festival di Fondazione Comunica e I-Center TAG Padova torna dal 20 al 24 ottobre

Edizione speciale con una formula ibrida per rispondere all’emergenza Covid-19
La “digistar” 2020 sarà Alec Ross, ex consulente di Hilary Clinton durante il governo Obama
Focus su Smart Land digitale, discipline STEM al femminile, telemedicina e didattica online

Padova, 9 ottobre 2020 – Avanti tutta. DIGITALmeet, il più grande festival diffuso italiano sul mondo del digitale, organizzato da Fondazione Comunica e I-Center TAG Padova con il patrocinio dell’Università di Padova e la main partnership di Unicredit, torna da martedì 20 a sabato 24 ottobre per ricucire il Paese nel segno dell’alfabetizzazione digitale. L’ottava edizione andrà in scena con un inedito formato misto, sia fisico che virtuale, declinato in veri e propri Format Nazionali che verranno trasmessi sulle principali piattaforme online per raggiungere il maggior numero di persone possibili, nel massimo rispetto delle normative sanitarie anti-Covid. Per il secondo anno consecutivo, inoltre, DIGITALmeet potrà contare sulla media partnership della RAI, che coprirà i principali eventi sia in radio che in televisione. La filosofia di #DM20 resta quella della commistione tra bottom-up e digistar: da una parte le iniziative dal basso delle comunità digitali, dall’altra i grandi ospiti chiamati a proporre nuove chiavi di lettura. Il tutto seguendo il filo conduttore della Smart Land Digitale, per mettere l’innovazione al servizio dello sviluppo economico e sociale.

Come sempre, la bussola per orientarsi è su www.digitalmeet.it.

Digitale e sostenibilità: ecco il Manifesto

La Rete è davvero democratica? La risposta è sì, ma per passare dalla teoria alla pratica bisogna collegare meglio i territori interni e marginali. Non è un caso che quest’anno DIGITALmeet abbia scelto di lanciare l’anteprima in Umbria, dove venerdì 16 e sabato 17 il Comitato Scientifico del festival chiamerà a raccolta imprenditori, docenti, politici e amministratori per riflettere sulla Smart Land Digitale, un’espressione che riprende il concetto di Smart City e lo estende oltre i confini urbani per coinvolgere tutti gli attori locali in una serie di buone pratiche legate a economia, cittadinanza, energia, mobilità e paesaggio.

La prima parte dell’evento andrà in scena a porte chiuse sul lago di Piediluco (Terni): venerdì sera la presentazione dell’evento, a cura dell’Assessore Regionale a Sviluppo economico, Innovazione, Digitale e Semplificazione Michele Fioroni; sabato mattina il workshop che porterà alla stesura di un vero e proprio Manifesto basato sulle linee programmatiche della Smart Land Digitale, da presentare al Governo locale e nazionale. Sabato pomeriggio, infine, la tavola rotonda aperta al pubblico con Aldo Bonomi, sociologo e teorico della Smart Land e Giuseppe Capocchin, presidente del Consiglio nazionale degli Architetti.

«Riteniamo che il digitale e la sostenibilità siano, ancor più nel post Covid, due formidabili driver per ricucire intere parti di territorio – afferma Gianni Potti, Presidente di Fondazione Comunica e Founder DIGITALmeet – Pensiamo alla banda ultralarga, al 5G, solo per fermarci alle infrastrutture digitali. Ma pensiamo anche all’alfabetizzazione digitale, per far crescere non solo l’offerta, ma una domanda, un mercato, che non sia incentrato solo nelle grandi città, nei nodi della rete. Il dopo Covid, se ben gestito, offre molte di queste opportunità. L’economia del futuro deve avere come obiettivo non solo il profitto ma anche il benessere sociale della comunità, facendo diventare la sostenibilità del business uno degli indici e dei valori che si sommano al profitto con pari peso e considerazione. Solo così sapremo passare dalla Smart City alla Smart Land Digitale, una terra felice, dove si vive bene grazie alle tecnologie, alla sostenibilità ambientale, ma soprattutto con la persona al centro».

«Città intelligenti, telemedicina, didattica online e presenza femminile nelle discipline STEM: i temi dell’edizione 2020 del DIGITALMeet rappresentano sfide attuali e future che vedono coinvolto il nostro Ateneo – spiega Rosario Rizzuto, rettore dell’Università degli Studi di Padova –. La pandemia ha dato giocoforza un’accelerazione alla trasformazione digitale della società: è essenziale far sì che l’alfabetizzazione digitale rappresenti un’opportunità, sostenibile e diffusa, per disegnare un futuro migliore per tutti noi».

Il futuro secondo Alec Ross

La digistar di #DM20 è lui. Alec Ross, Distinguished Visiting Professor presso la Business School di Bologna dell’Università di Bologna, già Distinguished Senior Fellow presso la Johns Hopkins University e Senior Fellow presso la Columbia University School of International & Public Affairs, è noto anche come consulente senior per l’innovazione dell’ex Segretario di Stato Hilary Clinton durante il governo Obama, cioè come l’uomo che ha aiutato gli Stati Uniti a sviluppare soluzioni innovative nel campo della diplomazia e della politica estera. Martedì 20 Alec Ross sarà a Palazzo Bo, nella sede dell’Università di Padova, per presentare il libro Il nostro futuro. Come affrontare il mondo dei prossimi vent’anni.

Sanità, didattica e cybersecurity

Alla luce di quanto accaduto negli scorsi mesi, #DM20 non poteva certo tralasciare il tema della salute. In questo senso bisogna registrare il grande successo del Format Digital Pills, lanciato in anteprima lo scorso settembre in collaborazione con Abbott, Associazione Italiana Aritmologia e Cardiostimolazione (Aiac) e Associazione Medici Dirigenti (Anaao Assomed) Sicilia per scoprire le nuove frontiere della sanità. Dopo i primi webinar da Palermo, Messina e Catania, le Digital Pills approdano a Nordest con il ciclo di incontri L’uomo connesso: si parte martedì 20 con La cura a portata di mano, evento online in collaborazione con FBK-APSS Trentino salute 4.0, PersonalTrainer.it/Google, Medici di base e Fastweb, si continua mercoledì 21 con Come la tecnologia aiuta la salute all’I-Center TAG Padova in collaborazione con Senior Federanziani, Università di Padova e associazioni di volontariato, per poi finire giovedì 22 con La salute viaggia in rete nella sede di Confindustria Udine in collaborazione con Open Fiber, Osservatorio Sanità Digitale e Medici di base. Inoltre Sabato 24 #DM20 ospiterà alla Sala Rossini del Caffè Pedrocchi Andrea Crisanti, Direttore del Laboratorio di Microbiologia e Virologia dell’Azienda Ospedaliera di Padova, meglio noto come il virologo che ha permesso al Veneto di arginare il Covid-19 con la strategia dei tamponi “a tappeto”: sarà lui a spiegare qual è stato, e quale potrà essere, il valore aggiunto del digitale nella lotta alla pandemia.

Il Lockdown ha messo a dura prova anche il mondo della scuola e dell’università, da sempre sotto i riflettori di DIGITALmeet. Venerdì 16, nel corso di un’anteprima al Senato, la prestigiosa Sala Zuccari di Palazzo Giustiniani ospiterà il convegno Il digitale per andare oltre Covid-19: tra istruzione e formazione per il rilancio del Paese. Mercoledì 21 l’Università di Padova offre tre contributi su L’istruzione superiore e l’e-learning in un’era post emergenza: sfide e opportunità. Diana Laurillard, docente di Apprendimento con le tecnologie digitali presso il Knowledge Lab dell’Institute of Education a Londra, spiegherà come Coinvolgere gli studenti attraverso innovative pedagogie online; Mark Brown, docente di Digital Learning e direttore del National Institute for Digital Learning a Dublino, presenterà Un bordo digitale per i nuovi tempi: Sbloccare lo studente online; infine Linda B. Nilson, studiosa di didattica innovativa, proporrà una risposta alle domande Cosa sto affrontando? Cosa posso guadagnare?. A proposito di formazione superiore, #DM20 dedica un dibattito al rapporto tra donne e discipline STEM (scienza, tecnologia, ingegneria e matematica), con l’obiettivo di abbattere un gap che penalizza la trasformazione digitale del Paese: l’appuntamento è venerdì 23 a Treviso presso Palazzo Giacomelli, sede di Assindustria Venetocentro, con Stem is better, differenza di genere e tecnologia.

Sul fronte della cybersecurity, l’impegno di DIGITALmeet prosegue venerdì 23 a Padova, presso Palazzo Bo, con La sicurezza CyberPhysical Systems, e in particolare focus su Autonomous Driving: prima – tra gli altri – il collegamento dall’Inghilterra con Marco Pavone, direttore dell’Autonomous Systems Laboratory (ASL) della Stanford University, poi la tavola rotonda moderata da Fabrizio Dughiero, presidente del Competence Center SMACT.

Pillole di alfabetizzazione digitale

Sono due i webinar organizzati mercoledì 21 in collaborazione con Fastweb Digital Academy per aiutare i giovani a orientarsi nel mondo del lavoro. Social media e personal branding mette in evidenza l’importanza della reputation individuale per sé e per le organizzazioni di cui si fa parte, con spunti e indicazioni pratiche sull’importanza del proprio posizionamento in rete e della propria identità, e per governare e indirizzare la propria presenza in rete gestendo la propria immagine professionale pubblica. Neuromarketing invece esplora il funzionamento della mente umana in relazione ai processi decisionali nella soluzione di compiti economici, sulla base di nuovi studi scientifici che hanno evidenziato come le persone prendano decisioni condizionate da impulsi emotivi ed errori di valutazione. Il webinar propone tecniche finalizzate a costruire una comunicazione persuasiva ed efficace, ma sempre etica.

Dal 20 al 24 ottobre torna anche il consueto appuntamento con i Digital Evangelist, i volontari che diffondono l’alfabetizzazione digitale tra i cittadini in collaborazione con Aspiag, concessionario del marchio Despar per il Nordest. La formula però è diversa: non più incontri dal vivo nelle piazze dei centri commerciali, ma lezioni online su misura e “a domicilio”, su prenotazione per gruppi di 3-5 persone ciascuna. L’iniziativa si chiama “Incontri a tu per tu con l’esperto digitale”: meeting gratuiti, individuali o a piccoli gruppi, in cui il digital evangelist risponderà ai dubbi e alle necessità degli utenti che si sono iscritti. Ogni settimana si affronta un tema diverso: dall’utilizzo della Despar Tribù, l’app del gruppo Despar, alle videochiamate online, dall’uso di Google Drive ai social network.


pa-torino.jpg

31 Luglio 2020

Sono tante davvero le proposte di nuovi eventi che arrivano!

DIGITALmeet infatti rilancia ancora una volta la filosofia del bottom up: il più grande e diffuso festival italiano sul mondo del digitale, organizzato da Fondazione Comunica, torna dal 20 al 24 ottobre e come nelle precedenti edizioni spalanca le sue porte ai contributi dall’esterno, dalla rete.

Per cogliere nuovi spunti e tendenze che andranno ad arricchire il prossimo programma e raccontare le nuove esperienze del mondo digitale, DIGITALmeet invita tutti a partecipare con un contributo originale: “Proponi il tuo evento” è l’iniziativa rivolta a imprese, associazioni, istituzioni e cittadini che vogliono proporsi per parlare di argomenti come IoT, cybersecurity, nuovi lavori, telemedicina, 5G, alfabetizzazione e il digitale in tutte le sue forme. Questi i trend più cliccati e proposti finora…

Per partecipare basta collegarsi alla pagina “Proponi il tuo evento” inserire i propri riferimenti e una descrizione dell’evento che si intende realizzare. I candidati poi verranno ricontattati dagli organizzatori del festival per concordare l’intervento.


X