DIGITALmeet accompagna “Alice nel Paese dell’Intelligenza Artificiale”

7 giugno 2018
alice-nel-paese-dellintelligenza-artificiale-std.png

Comunicato Stampa

DIGITALmeet accompagna “Alice nel Paese
dell’Intelligenza Artificiale”
Martedì 12 giugno a Padova l’evento dedicato all’AI 
con
l’eccezionale presenza del Prof. Pietro Perona del California Institute of Technology e membro del team AI di Amazon

Padova, 31 maggio 2018

La cornice è di quelle che scatenano la fantasia – l’Orto Botanico di Padova – e suggerisce già un viaggio: il nostro sarà quello nell’Intelligenza Artificiale. Martedì 12 giugno, dalle ore 17.00, presso l’Auditorium dell’Orto Botanico, si terrà l’evento “Alice nel Paese dell’Intelligenza Artificiale” promosso ed organizzato, nell’ambito di DIGITALmeet 2018, da beanTech, realtà informatica leader nel territorio che aiuta le aziende ad accelerare il proprio business grazie alla Digital Transformation e all’Intelligenza Artificiale.

Il mondo di Lewis Carroll – che fu matematico prima ancora che scrittore – ci ha fornito un’affascinante metafora attorno alla quale costruire un evento speciale dedicato all’Intelligenza Artificiale, con una eccezionale presenza come speaker del prof. Pietro Perona (professore presso il California Institute of Technology – CALTECH – e Amazon Fellow, fra i maggiori esperti al mondo di machine learning applicato alla computer vision).

Attraverso l’Intelligenza Artificiale, infatti, il mondo reale già oggi viene riflesso in un’immagine virtuale, così come il quotidiano di Alice si riconfigurava nello specchio dei suoi sogni. Abbiamo solo sostituito la penna dello scrittore con algoritmi in grado di apprendere, l’inchiostro del calamaio con modelli matematici in grado di dare forma a un universo digitale che si evolve in tempi esponenziali.

E non pensiamo ai robot antropomorfi che hanno affascinato Hollywood, come gli androidi di Terminator o Westworld. L’Intelligenza Artificiale è già presente – e in modo molto più trasparente – nel nostro quotidiano: nel manifatturiero i prodotti vengono riconosciuti dalle nuove tecnologie per gestirne movimentazione e qualità, mentre la manutenzione stessa degli impianti è anticipata dallo studio del loro stato di funzionamento; negli ospedali la computer vision applicata alla risonanza magnetica ha moltiplicato la velocità di analisi e diagnosi; la realtà aumentata sta cambiando i paradigmi della didattica e del gaming; sempre più spesso ci troviamo a dialogare con assistenti vocali che comprendono le nostre domande e sanno trovare risposte; nel mondo dell’agricoltura e degli allevamenti ci sono mandrie presidiate da cowboy robot, frutta e verdura raccolte da sistemi cibernetici, infestanti estirpati senza la presenza dell’uomo, fattorie smart che garantiscono alta produttività; le fotocamere dei nostri smartphone già adottano tecnologie AI; le strade a breve si popoleranno di mezzi a guida automatica; aziende commerciali, società di assicurazioni e banche affidano al deep learning la profilazione dei propri clienti, sfruttando app e social network.

E, dietro lo specchio, il futuro prefigura l’applicazione esponenziale dell’Intelligenza Artificiale in tutti i settori industriali, economici, scientifici, culturali, sociali e militari. Se pensiamo che a livello globale, come emerge dall’ultimo studio condotto sull’argomento da Gartner, solo nel 2018 sarà generato un giro d’affari di 1.200 miliardi di dollari, corrispondente a un +70% rispetto al 2017 e una previsione sul 2022 di un business che raggiungerà i 3.900 miliardi.

In questo contesto globale l’Italia come si sta muovendo? I dati pubblicati dal Politecnico di Milano su una ricerca condotta sul mercato italiano fotografa una situazione in cui le potenzialità e le opportunità di business sono ancora poco sfruttate dalle Imprese. Il 56% ha avviato progetti, una soluzione su quattro riguarda i chatbot. In Italia le soluzioni più utilizzate sono quelle di Intelligent Data Processing (35%) e i Virtual Assistant/Chatbot (25%). I settori più avanti nell’adozione di progetti di intelligenza artificiale sono Banking-Finance-Insurance e Automotive, Energia, Logistica e Telco.

Ma è tutto il sistema economico e sociale che deve ormai fare i conti con queste soluzioni intelligenti e di questo ne parleremo all’evento grazie al contributo del prof Pietro Perona che, prendendoci metaforicamente per mano, ci guiderà alla scoperta dell’Intelligenza Artificiale: cos’è, come funziona e cosa ci dobbiamo aspettare? Ripercorrendo la breve storia dell’A.I. attraverso la descrizione dei principi alla base di questa tecnologia emergente, esplorando alcuni successi ed i limiti riscontrati finora. Concluderà l’intervento con uno sguardo al futuro: come l’A.I. sta evolvendo e quali sono le sfide da affrontare.

Ad affiancare il Prof. Perona, interverranno il Prof. Alessandro Beghi dell’Università degli Studi di Padova – Dipartimento dell’Ingegneria dell’Innovazione, Fabiano Benedetti CEO & President di beanTech, Gianni Potti Presidente CNCT Confindustria Servizi Innovativi e Tecnologici e Delegato Confindustria Veneto per Industria 4.0, ricerca ed innovazione, Daniele Fornasier Industrial Solutions Consultant e Fabio Candussio Prof. Dipartimento di Ingegneria e Architettura, Università di Udine.

L’evento, promosso e organizzato da beanTech, si inserisce nel ciclo “Aspettando DIGITALmeet”. Patrocinatori dell’evento: Università degli Studi di Padova, il Centro Interdipartimentale di Ricerca “Human Inspired Technologies Research Center”, Confindustria servizi innovativi e Tecnologici, Confindustria Veneto, Fondazione Comunica. Sostenitori dell’evento sono Dell EMC e Nvidia di cui beanTech è rispettivamente Partner Platinum e Preferred, nonché punto di riferimento sul territorio.