Blog


con8-1200x661.jpg

25 Settembre 2015

DIGITALmeet 2015: Scopri, Usa, Crea, Sogna. Il più grande e diffuso evento a Nordest sull’alfabetizzazione digitale torna dal 22 al 25 ottobre.

Il robottino NAO, eccellenza europa nel campo della robotica, è stato il testimonial d’eccezione dell’affollatissima conferenza stampa di DIGITALmeet 2015.

Del resto i numeri di questa terza edizione parlano chiaro: 150 speaker, 70 eventi, 3 regioni coinvolte per 4 giorni dedicati all’alfabetizzazione digitale del nostro territorio.

Come ha sottolineato ieri Giuseppe Zaccaria, Magnifico Rettore dell’Università di Padova, non è un caso se DIGITALmeet 2015 parte proprio dall’Università di Padova: “Ci fa molto piacere patrocinare un evento così importante perché c’è bisogno di alfabetizzazione digitale. L’Università di Padova del resto è all’avanguardia in questo campo, dato che stiamo sperimentando un sistema innovativo con il MIUR. E poi la soddisfazione di vedere come negli anni il DIGITALmeet sia cresciuto fino a raggiungere questo livello”.

Grande entusiasmo per Marinella Dalla Colletta, co-founder di Talent Garden Pordenone, protagonista dell’espansione in Friuli Venezia Giulia del DIGITALmeet 2015: “DIGITALmeet è un’occasione straordinaria per far lavorare insieme Veneto, Friuli Venezia Giulia e Trentino, è la dimostrazione concreta di come sia possibile fare rete nel territorio e, soprattutto, di quanto sia importante fare rete”.

Anche Giordano Riello, presidente dei Giovani imprenditori di Confindustria Veneto, ha sottolineato l’importanza di un evento come DIGITALmeet: “Mi piace l’idea di alfabetizzare le aziende: anche il manifatturiero deve parlare la stessa lingua del resto del mondo. E ci tengo a sottolineare come il digitale non solo sia indispensabile per il futuro, ma è anche un elemento importante da un punto di vista occupazionale. Per noi in azienda la ristrutturazione digitale, chiamiamola così, non ha comportato nessun licenziamento, anzi!”.

“Le parole simbolo del DIGITALmeet 2015 sono Scopri, Usa, Crea Sogna – ha concluso Gianni Potti, Presidente Fondazione Comunica -, perché questi sono i 4 step che possono accompagnare imprese e cittadini verso il digitale. Per prima cosa la meraviglia e lo stupore di scoprire quello che la tecnologia può fare per noi; dobbiamo imparare quindi ad usare i nuovi strumenti per soddisfare i nostri bisogni, per poi creare il nostro futuro in maniera concreta. Infine, il passaggio più importante, quello del sogno, il momento in cui ci rendiamo conto che non abbiamo limiti e che grazie al digitale oggi è più facile trasformare il futuro in presente. Ecco perché abbiamo puntato sulla Manifattura Digitale, quella che per noi è l’unica vera occasione per la crescita per il nostro territorio”.

 


10934065_1605501793012134_5196220557639002883_n.jpg

24 Settembre 2015

Dal 22 al 25 ottobre torna il DIGITALmeet, il più grande e più diffuso evento italiano sull’alfabetizzazione digitale verso cittadini e imprese. 150 speaker, 70 eventi, 45 location diverse, tre regioni coinvolte.

La terza edizione del DIGITALmeet punta a battere ogni record: 150 speaker, 70 eventi, 45 location diverse in tre regioni (Veneto, Friuli Venezia Giulia e Trentino).

Un unico grande racconto diffuso nel nostro territorio per immergersi nelle mille sfumature del digitale, dalla banda larga alla Fabbrica 4.0, dal mondo delle Start Up alle nuove frontiere dell’innovazione.

Spesso il tema del digitale viene raccontato e vissuto come qualcosa di lontano dalla vita quotidiana, come se si trattasse di un mondo riservato ai guru della rivoluzione tecnologica o ai grandi influencer della rete: l’obiettivo del DIGITALmeet 2015 è quello di rovesciare questo stereotipo, puntando l’attenzione sempre alla realtà concreta di cittadini e imprese, i veri protagonisti della rivoluzione digitale che stiamo vivendo.

“Le parole simbolo del DIGITALmeet 2015 sono Scopri, Usa, Crea Sogna – dice Gianni Potti, Presidente Fondazione Comunica -, perché questi sono i 4 step che possono accompagnare imprese e cittadini verso il digitale. Per prima cosa la meraviglia e lo stupore di scoprire quello che la tecnologia può fare per noi; dobbiamo imparare quindi ad usare i nuovi strumenti per soddisfare i nostri bisogni, per poi creare il nostro futuro in maniera concreta. Infine, il passaggio più importante, quello del sogno, il momento in cui ci rendiamo conto che non abbiamo limiti e che grazie al digitale oggi è più facile trasformare il futuro in presente. Ecco perché abbiamo puntato sulla Manifattura Digitale, quella che per noi è l’unica vera occasione per la crescita per il nostro territorio”.

Manifattura Digitale, occasione per la crescita

Manifattura digitale, occasione per la crescita è infatti il tema centrale di DIGITALmeet: nel nostro territorio c’è la forte esigenza di vedere in maniera concreta come come la quarta rivoluzione industriale ora in atto abbia già cambiato profondamente le dinamiche produttive e di mercato delle nostre imprese, ma anche la vita dei cittadini.

DIGITALmeet si conferma dunque quest’anno come il più grande e diffuso evento italiano sull’alfabetizzazione digitale verso cittadini e imprese, un impegno enorme per Fondazione Comunica e Talent Garden Padova che, in collaborazione con Talent Garden Pordenone, promuovono e organizzano DIGITALmeet.

Tantissimi i partner coinvolti in questa edizione 2015, tutti uniti dalla voglia di affermare una diversa cultura del web, della comunicazione e del digitale nei nostri territori.

Proprio per questo motivo DIGITALmeet 2015 è caratterizzato da una diffusione capillare in tutto il territorio: a Venezia, Verona, Padova, Vicenza, Treviso, Belluno, Rovigo, Trento, Udine, Pordenone e Trieste, ma anche a Merano, Agordo, Montebelluna, Torreglia, Cittadella, Castelfranco Veneto, Marostica, Vigonza, Schio, Portogruaro, Massanzago, Campolongo e Vo’ Euganeo saranno gli epicentri dei 70 eventi che mostreranno ai cittadini e alle imprese come dare del tu al mondo del digitale sia molto più semplice di quanto si possa credere.

Una diffusione territoriale che tocca a tappeto tutte le realtà del Triveneto e non si ferma soltanto ai “soliti” capoluoghi di provincia,.


X