Giovani, posti di lavoro e voglia di digitale

24 marzo 2017
crescere-in-digitale.jpg

Mantenere lo schema bottom-up, dare voce alle nuove generazioni per farci raccontare un’idea di futuro e portare il digitale nei posti di lavoro: ecco gli obiettivi che il Comitato Scientifico si è dato per questa quinta edizione.

Luca De Pietro, Luca Giuman, Gianluigi Cogo, Laura Aglio e Gianni Potti si sono riuniti il 24 marzo per cercare di evidenziare i punti di forza e le criticità della passata edizione in modo da migliorare e rendere questo evento del digitale ancora più grande e riconosciuto. Protagonisti di questa edizione, in programma dal 19 al 22 ottobre, saranno i cittadini di domani, quei giovani che continuano a crescere insieme al mondo digitale perché il futuro è nelle loro mani. E per fare questo, non si è scelto di seguire i canali tradizionali, quelli in cui gli esperti raccontano e teorizzano i progetti di e per il domani ma, al contrario, saranno proprio i giovani a dover scendere in campo e presentare la loro idea di futuro e sottolineare in maniera ancora più visibile la struttura bottom-up di DIGITALmeet.

Ma se è vero che i giovani entrano con forza in questa edizione, non vanno dimenticate le aziende, le associazioni, gli imprenditori e tutti coloro che in qualche modo entrano in contatto con il mondo digitale. La particolarità? Non più far uscire gli imprenditori e i dipendenti perché incontrino il digitale ma portare nei posti di lavoro e in quelli di aggregazione la digital transformation. L’obiettivo è quello di dialogare di cultura digitale nella maniera più ampia possibile per stimolare la voglia di conoscenza del digitale. Rimane poi il carattere eterogeneo che da sempre ha caratterizzato questa manifestazione dove, da una parte tutti possono partecipare e proporre il proprio evento, dall’altra parte un gran numero di eventi presentano tutte le diverse sfaccettature del mondo digitale.

Con queste nuove sfide da affrontare, l’appuntamento è per il 19 ottobre!